Archivio per maggio 2007

Anche nell’atletica c’è la Coppa dei Campioni

Come forse pochi sanno, la Coppa dei Campioni non esiste solo nel calcio (questo lo sanno proprio tutti invece!). Sabato e domenica c’è stata ad Albufeira in Portogallo la Coppa dei Campioni di atletica leggera (altrimenti chiamata Coppa Europa per club). Hanno partecipato anche due squadre italiane e precisamente romane: le Fiamme Gialle tra gli uomini e la Fondiaria Sai Atletica tra le donne ed entrambe le squadre sono arrivate quinte.

Alla presentazione delle squadre in Campidoglio, Veltroni ha giustamente aperto una piccola polemica sul fatto che purtroppo non avrebbero trasmesso le gare in televisione, nonostante la manifestazione non fosse proprio di basso livello, mentre invece fanno vedere partite di calcio anche di serie D.

La parte più bella della presentazione della squadra per me è stata andare a vedere il panorama dal balcone dello studio del sindaco di Roma. Infatti alla fine della presentazione ci ha invitato ad andare su quel balcone, da cui si ha una vista spettacolare sui Fori Imperiali, mentre sullo sfondo si vede il Colosseo. Roma è proprio spettacolare!

Non è stata esattamente una trasferta fortunata per la squadra (infortuni e disguidi non hanno aiutato), ma devo dire che io invece sono molto soddisfatta dell’esperienza: mi è piaciuta la mia gara e mi sono divertita. Mi piace molto trovarmi in queste gare internazionali, che sono di un livello intermedio e quindi riesco a non sentirmi troppo scarsa, ma anche a tirare fuori un po’ di agonismo, che decisamente serve!

stadio di albufeira

Il panorama dall’albergo con vista sull’oceano non era affatto male. 😉

albufeira - panorama dall’albergo

Certo Albufeira è stata all’altezza del suo nome ed il vento non è mancato!

agb

Mais ou menos #4

Fatevi le strisce di questa settimana (cliccate sulle immagini per leggerle meglio e ridere di più!):

mmitalia046b.jpg

mmitalia047b.jpg

L’autore delle strisce è Matteo Papaiz.

zar e agb

23 Maggio 2007: un mercoledì da leoni!

A volte ritornano: anche quest’anno la finale di Champions League è stata Milan – Liverpool. Sappiamo tutti com’è finita due anni fa. Siamo in Italia e quindi anche chi non se ne intende o non segue il calcio è stato bombardato dai media: il Milan poteva finalmente vendicarsi degli inglesi che nel secondo tempo in meno di sei minuti avevano pareggiato la partita per poi vincerla ai rigori.

Nonostante la cabala fosse favorevole ad un nuovo incontro tra amici a casa del Mosca per la visione della finale, quest’anno l’appuntamento è stato spostato a casa mia: pizza (4 maxi terminate prima del fischio d’inizio), patatine, birra (bevuti 10 litri… se finiva ai supplementari forse non ne avrei avuta abbastanza), torte varie (grazie mamma e Pigna), qualche liquore e lo spumante (grazie Spada) hanno allietato la visione della partita.

Ecco il fotofilm della serata con il parallelo Atene – Cavolano:

Comincia la finale

Punizione decisiva

Alta tensione Pippo mio!

a ciascuno la sua Coppa

Insomma alla fine il Milan ha vinto 2 – 1 conquistando così la sua settima Champions. Credo di aver creato un pericoloso precedente: c’è chi ha giurato – uscendo da casa mia per andare ad unirsi alle “decinaia” di persone che facevano i caroselli in piazza – che verrà sempre qui a vedere le prossime finali!

Grazie a tutti i presenti per la bella serata, alla prossima (magari anche prima della finale del prossimo anno)!

zar

The Boondocks

Ho scoperto The Boondocks da poco leggendo la rivista Linus; è una striscia a fumetti di Aaron McGruder e dall’8 gennaio anche un cartone animato andato in onda su Mtv. Non so se l’avete mai letto o visto: io lo trovo ottimo!

boondocks-question.png Le storie raccontano l’America di oggi attraverso le vicende di due ragazzini afro-americani, Huey e Riley Freeman che vivono insieme al nonno Jebediah facendolo praticamente impazzire. Huey ha 10 anni, ed è fin troppo serio e impegnato socialmente per un ragazzino della sua età mentre Riley ha 8 anni ed aspira ad essere un “gangsta rapper” e vuole fare soldi facili e subito.

boondocks3.jpg“Gesù era nero e il governo vi ha mentito sull’11 settembre..” è la frase utilizzata nella pubblicità del programma su Mtv; credo che renda bene l’idea di quanto politicamente scorrette siano le vicende, senza diventare eccessive. Sicuramente sono adatte ad un pubblico di soli adulti un po’ perché piene di parolacce ma anche per i riferimenti più o meno sottili ad avvenimenti e personaggi politici.

Insomma The Boondocks è un fumetto/cartone animato che diverte ma riesce anche a far pensare alle assurdità e a tutte le contraddizioni del mondo d’oggi; se ne avete la possibilità dategli un’occhiata!

zar

Ref-Link: in collegamento con l’arbitro

Sabato scorso la Benetton Treviso Rugby ha vinto lo scudetto numero 13 della sua storia battendo l’Arix Viadana 28 – 24 dopo due tempi supplementari. Non parlo della partita dal momento che non l’ho vista e nemmeno dell’esito; quello di cui voglio parlare è il Ref-Link, una radiolina collegata alle frequenze del microfono dell’arbitro che ha permesso agli spettatori della finale di ascoltare le decisioni del direttore di gara.

Il dispositivo viene commercializzato con successo da diversi anni in occasione dei maggiori eventi rugbystici in Inghilterra, Francia e Sudafrica. Secondo me la possibilità di ascoltare in diretta le decisioni dell’arbitro è una cosa che dovrebbe essere applicata anche in tanti altri sport. Di sicuro in questo modo è possibile valutare in diretta quali sono le motivazioni dell’arbitro e la trasparenza nell’applicazione del regolamento.

Per quel che mi risulta il motivo per il quale questo Ref-Link non viene utilizzato in altri sport, come ad esempio nel calcio, è il fatto che l’arbitro non è tenuto a spiegare ai giocatori (e di conseguenza al pubblico) la motivazione delle sue decisioni. Magari mi sbaglio ma del resto come sarebbe possibile spiegare il classico “fallo di confusione in area”? Al contrario nel rugby c’è un continuo dialogo tra l’arbitro – che giustifica ogni fischio indicando il fallo commesso – ed i capitani delle squadre che sono gli unici giocatori che possono rivolgersi a lui.

Ma forse il motivo è un altro… Che ne pensate?

zar

Mais ou menos #3

Fatevi la striscia di questa settimana (cliccate sull’immagine per leggerla meglio e ridere di più!):

maisoumenos031b_ita.jpg

L’autore delle strisce è Matteo Papaiz.

zar e agb

Telefonare Coop

Finalmente anche in Italia arriva il primo operatore di telefonia mobile virtuale: Coop Voce. Grazie ad un accordo con Tim-Telecom sarà possibile da giugno telefonare con questo nuovo marchio, riservato ai soci Coop (come noi 🙂 ). Ma cos’è un operatore virtuale? In pratica un soggetto che affitta infrastrutture e traffico da un operatore telefonico reale e li rivende ai propri clienti.

Grazie a questo nuovo servizio il mercato della telefonia mobile dovrebbe diventare maggiormente aperto, concorrenziale e trasparente: tutte caratteristiche che per ora non riguardano quel mondo. E questo dovrebbe essere un gran vantaggio per i clienti!

L’idea è quella di allargare l’offerta addirittura ad Internet e alla telefonia fissa. Non vediamo l’ora di poter dare un’occhiata alle offerte, definite semplici, chiare e trasparenti. Staremo a vedere!

zar e agb