Archivio per ottobre 2007

I blog di coppia

Quando abbiamo deciso di aprire un blog insieme, non sapevamo molto di come vanno le cose nella blogosfera. Non che ora sappiamo tutto, ma stiamo scoprendo che altri hanno deciso di scrivere insieme su un blog. Per esempio, oltre a noi, tra i blog che leggiamo ci sono La mia ombra di Devil e Il Conte, Dietro è la casa, davanti a noi il mondo… di Danzalo e Matteo, e “the last but not the least” i nostri amici Lesnina e Paz di Ipernova.

Secondo noi ci sono dei vantaggi a scrivere insieme, a partire dal fatto che due persone hanno più idee di una persona sola (magari non proprio il doppio però quasi). E poi è utile e rassicurante chiedere un’opinione o una rilettura all’altro sui propri post.

In fondo il fatto è che ci piace fare le cose insieme. 😉

zar e agb

Candle’s life #9

Fatevi la striscia di questa settimana (cliccate sull’immagine per leggerla meglio e ridere di più!):

Candle’s life #9

L’autrice delle strisce è Jamie Valentina.

zar e agb

I puzzle

I puzzle, insieme ai lego, sono sempre stati tra i nostri giochi preferiti. Quante ore passate seduti per terra (ognuno a casa sua visto che all’epoca non ci conoscevamo) a fare i puzzle. In una cosa siamo diversi: agb li faceva e disfaceva continuamente, invece a zar piaceva (e piace) tenerli fatti e magari appenderli da qualche parte.

Il motivo per cui ci è venuto in mente di scrivere un post a questo proposito è che zar sta facendo un puzzle regalatogli da agb che ha come soggetto l’urlo di Munch. Anche agb lo aiuta ogni tanto e, peggio dei bambini, non si staccherebbe più dal puzzle prima di averlo finito!

Puzzle Ravensburger Urlo di MunchQuesto puzzle tra l’altro ha una storia particolare: tempo fa zar l’aveva completato ma… Ne mancava un pezzo! Le ricerche sotto i letti, nei sacchetti dell’aspirapolvere e nelle tasche dei pantaloni risultarono vane. Però zar, convinto di non averlo perso e sentendosi quindi in diritto di avere un qualche rimborso, non si arrese e contattò la Ravensburger per avere lumi a tal proposito.

E qui il primo colpo di scena: si poteva avere un rimborso! Bastava spedire alla ditta altri tre pezzi del puzzle e i codici a barre ritagliati dalla scatola per ricevere via posta un altro puzzle con lo stesso soggetto. Questa sì che è fidelizzazione del cliente!

Vi starete sicuramente chiedendo qual è stato il secondo colpo di scena: due giorni dopo aver spedito il tutto per riavere il puzzle nuovo… È comparso dal nulla il famoso pezzo mancante (per la precisione ritrovato tra le setole di una scopa)!

zar

Sono finiti (così)

Calcio piazzato di Percy MontgomerySabato scorso sono terminati i mondiali di rugby e quest’anno la coppa è stata vinta dal Sud Africa che ha battuto in finale i campioni uscenti dell’Inghilterra. La partita non è stata spettacolare, anzi a tratti quasi noiosa; sicuramente nessuna delle due formazioni voleva perdere e così si sono viste difese molto aggressive ed i punti sono arrivati dai calci piazzati dei “soliti” Percy Montgomery e Johnny Wilkinson. Risultato finale 15 – 6 per gli Springboks che hanno dominato il torneo dall’inizio alla fine ed hanno conquistato la seconda coppa dopo quella vinta dodici anni fa proprio in casa loro.
Io tifavo un po’ per la compagine del vecchio continente, ma alla fine devo ammettere che questo è stato il risultato più giusto.

Il mondiale dell’Italia purtroppo non è andato come si sperava. Dopo delle partite giocate molto al di sotto delle loro capacità, gli azzurri, perdendo di soli due punti contro la Scozia, non sono riusciti nella storica impresa di qualificarsi per i quarti di finale. Un vero peccato dopo le belle prestazioni del Sei Nazioni e dei test match di preparazione al mondiale. Speriamo che il nuovo allenatore, che in passato ha allenato proprio la squadra sudafricana, riesca a proseguire il comunque ottimo cammino intrapreso dalla nazionale in quest’ultimo periodo!

Placcaggio durante Francia - ArgentinaSe l’Italia non può dirsi soddisfatta, per la Nuova Zelanda e la Francia padrona di casa il torneo è stato quasi disastroso. Gli All Blacks, infatti, erano i favoriti per la vittoria finale ma sono stati eliminati ai quarti proprio dai francesi. Dal canto loro i Blues, dopo l’inizio in salita (sconfitta nella partita inaugurale contro i Pumas Argentini), hanno fatto vedere cose egregie riuscendo appunto nell’impresa di battere i neozelandesi. In semifinale però si sono dovuti arrendere alla compattezza e alla precisione al piede dell’Inghilterra e si sono fatti battere, nuovamente dall’Argentina, anche nella finalina per il terzo posto.
L’Argentina dunque è la vera sorpresa del mondiale (a dir la verità insieme alle isole Fiji): speriamo che a questo punti non freghi il posto all’Italia nel Sei Nazioni!

Per quel che mi riguarda sono contento di essere riuscito a seguire buona parte delle partite (grazie al satellite e alle televisioni TV5 e DSF) mentre per quanto riguarda il gioco Fantasy Rugby speravo di ottenere un risultato migliore: mi sono classificato 3612esimo su 30415 partecipanti e 22esimo su 51 nella lega composta dagli utenti del sito rugby.it. Purtroppo sono stato tradito da alcuni giocatori su cui avevo riposto molta fiducia!

Il prossimo appuntamento con i mondiali di rugby è fra quattro anni in Nuova Zelanda.

zar

Donare il sangue

Pensavo di mettere solo un commento al post che aveva fatto zar a questo proposito. Invece poi ho pensato di crearne uno nuovo riguardante le donazioni di sangue, per fare un po’ di pubblicità. Non è detto che serva ma non si sa mai.

Come spesso si sente dire e come è vero, donare il sangue è un gesto semplice e utile. Io sono andata lo scorso venerdì mattina e certamente sabato mi sentivo un po’ stanca (anche a causa della settimana molto impegnativa però), ma non c’è niente di insopportabile in tutto ciò. Ho anche guadagnato una buonissima stecca di cioccolata fondente di 200 grammi! 🙂

Tra parentesi sono stata definitivamente convinta ad andare a donare il sangue da un cartellone pubblicitario largo sei metri dell’Avis del mio paese…

Cartellone Avis San Vito

agb

Mais ou menos #12

Fatevi la striscia di questa settimana (cliccate sull’immagine per leggerla meglio e ridere di più!):

Mais ou menos #12

L’autore delle strisce è Matteo Papaiz.

zar e agb

Funghi d’autunno

funghiOgni anno nel mio giardino crescono i funghi. Zar ha detto che sembrano un mazzo di fiori. In effetti sono molto belli da vedere (anche se mio padre ha dovuto insistere perché io perdessi tre minuti per andare a vederli).

Il motivo è che sono stati tagliati degli alberi (in questo caso dei bellissimi pini argentati su cui mi arrampicavo da piccola) e le radici e il ceppo che sono rimasti rendono il terreno adatto alla crescita di questi funghi: i chiodini, che sono anche decisamente buoni da mangiare.

L’arrivo dei funghi è praticamente l’arrivo dell’autunno, che per me è una stagione un po’ strana: da un certo punto di vista mi intristisco perché l’estate è finita e non ci sono vacanze in vista; da un altro lato però è una stagione in cui si ricomincia a produrre in modo deciso e ciò è bello. Spesso in questo periodo faccio dei buoni propositi per il futuro e penso a cosa potrei fare di nuovo nella mia vita. Di solito ma non quest’anno, forse perché non ho avuto una vera pausa estiva, forse perché sono soddisfatta di quello che sto facendo o ancora perché ho paura di non poter continuare a fare quello che sto facendo e che mi piace.

Ma tutto ciò non c’entra con i funghi.

agb