Archive Page 2

130 km/h

La mia velocità standard in autostrada è 130 km orari. A volte mi sembra di essere più veloce solo dei camion, altre supero tutti. Non capisco.

agb

Cambi di stagione

Il passaggio dall’estate all’autunno è il peggiore. Nonostante quest’anno sia ancora bello il tempo, il raffreddore e un po’ di malinconia non mancano.

L’autunno non è una brutta stagione; il suo problema è che viene subito dopo l’estate!

agb

Usain Bolt Highway

Dopo aver ricevuto un pezzo del muro di Berlino – ma non un pezzettino, un blocco di tre metri e altrettante tonnellate – Usain Bolt, rientrato in Giamaica dopo aver vinto i Mondiali demolendo i record del mondo sui 100m e 200m, ha ricevuto in dono dal govero l’intitolazione di un’autostrada.

A me queste intitolazioni a personaggi ancora in vita sembrano sempre un po’ strane. Non dico che portino sfiga, per carità, ma nel dubbio almeno non intitolategli la strada sulla quale si è schiantato con la sua BMW ad aprile.
Anche perché guidare con una mano sul volante e una “in tasca” non è sicuro.

Chissà quanto sarà il limite di velocità sulla Usain Bolt Highway!

zar

I love to jump and fall

Martedì leggevo questa intervista alla campionessa del mondo (a sorpresa) di salto con l’asta Anna Rogowska.

Mi ha fatto ricordare l’emozione di essere allo stadio Olimpico di Berlino, a guardare la finale del salto con l’asta femminile. Le emozioni erano più di una in realtà: all’inizio ero quasi arrabbiata, alla fine contenta per la vittoria di Anna Rogowska, stupita per i tre nulli della Isinbayeva, e felice di essere lì.

Mi ha colpito una frase dell’intervista, che penso riassuma perfettamente la fatica positiva degli allenamenti e la gioia per un salto riuscito, una in funzione dell’altra:

“I love to jump and fall, to see that the bar is in place.  I love that moment when I sit down after a workout to dinner and I have no strength to lift a cup.”

agb

Fine stagione, anche fantasy

Con la World Athletics Final di Salonicco dello scorso fine settimana si è conclusa la stagione dei grandi meeting di atletica. La maggior parte degli atleti più forti ha quindi smesso di gareggiare e immagino si starà godendo le vacanze prima di ricominciare ad allenarsi.

Fantasy Athletics

Grazie al punteggio pieno e doppio che sono riuscita a “rubare” (visto il modo in cui ho fatto la squadra) per quest’ultimo appuntamento, sono riuscita a risalire un po’ la classifica nel gioco di atletica che mi ha accompagnato (a volte perseguitato) durante tutta l’estate, cioè il Fantasy Athletics della Iaaf.
Spero che il prossimo anno questo gioco verrà riproposto dalla Iaaf, visto che ormai ho scoperto che basta impostare un avviso via email del calendario di Google per ricordarmi di fare la squadra prima di ogni meeting.

Ora deve solo finire la stagione delle gare anche per me. 🙂

agb

Pordenonelegge, decima edizione

Da oggi fino a domenica (cioè dal 16 al 20 settembre 2009) si svolgerà a Pordenone la decima edizione di pordenonelegge, festa del libro con gli autori.

Come ogni anno gli eventi e gli incontri sono molti e molto diversi tra loro. Al solito, infatti, la manifestazione riesce ad unire temi leggeri e chiacchierati ad argomenti più seri. Il programma della manifestazione è facilmente reperibile sul sito ufficiale. Quest’anno speriamo di riuscire a partecipare a qualche incontro, visto che c’è un’ampia scelta di ospiti interessanti da seguire come, giusto per citarne alcuni: Beppe Severgnini, Elio, Daria Bignardi, Giorgio Faletti, Natalino Balasso, Carlo Sgorlon, Mauro Corona e Flavio Oreglio. Inoltre siamo molto curiosi di scoprire com’è Male sit tibi, ossia il fotoromanzo giallo ambientato proprio a Pordenone.

Quando penso a pordenonelegge, però, non posso fare a meno di pormi una domanda: ma Pordenone legge davvero? I pordenonesi che partecipano alla manifestazione sono lettori abituali o lo diventano solamente durante questa settimana di settembre? Io penso che – in generale – se i libri costassero meno la gente leggerebbe di più.

zar

Dieci anni fa

La maturità, la patente, l’iscrizione all’università.
Tanto è cambiato, altrettanto è rimasto lo stesso.

agb