Posts Tagged 'kiva'

Microcredito Kiva: aiutiamo Zaynab

Dopo aver aiutato Elina, finanziandola per le sue attività di venditrice di vestiti di giorno e di salchipapas – hotdog e patatine fritte – di sera, abbiamo deciso di investire nuovamente i 25$ per aiutare un’altra donna. Questa volta la scelta è caduta sulla trentunenne libanese Zaynab, venditrice di vestiti ed accessori per donne e di giocattoli per bambini.

Visto che repetita iuvant ci copiaincolliamo da soli per spiegare di che cosa si tratta quandoi si parla del progetto Kiva:

Nei paesi poveri ottenere un prestito dalle banche è molto difficile ed i tassi di interesse sono spesso proibitivi ma grazie a Kiva questi sono ostacoli aggirabili; i prestiti sono infatti elargiti da privati che possono scegliere un progetto da finanziare effettuando una donazione (minimo 25$). Questi soldi verranno utilizzati dai piccoli imprenditori per avviare o mantenere viva la loro attività e quando il titolare del progetto inizierà a guadagnare allora rifonderà anche il proprio debito (i soldi vengono restituiti nel 98% dei casi). A quel punto sarà possibile scegliere di recuperare i soldi oppure investirli nuovamente in un altro progetto.

Elina ha rifuso il proprio debito e così i nostri 25$ ora serviranno ad aiutare il progetto di Zaynab. Bello no?

zar e agb

Microcredito Kiva: aiutiamo Elina

Con colpevole ritardo rispetto a quando ci siamo ripromessi di farlo (ne abbiamo parlato in questo post), da qualche giorno facciamo parte dei finanziatori aderenti a Kiva cioè la piattaforma di micro-finanziamenti rivolti a piccoli imprenditori di paesi in via di sviluppo.

Nei paesi poveri ottenere un prestito dalle banche è molto difficile ed i tassi di interesse sono spesso proibitivi ma grazie a Kiva questi sono ostacoli aggirabili; i prestiti sono infatti elargiti da privati che possono scegliere un progetto da finanziare effettuando una donazione (minimo 25$). Questi soldi verranno utilizzati dai piccoli imprenditori per avviare o mantenere viva la loro attività e quando il titolare del progetto inizierà a guadagnare allora rifonderà anche il proprio debito (i soldi vengono restituiti nel 98% dei casi). A quel punto sarà possibile scegliere di recuperare i soldi oppure investirli nuovamente in un altro progetto.

Noi abbiamo deciso di finanziare la peruviana Elina, che deve mantenere due figli con le sue attività di venditrice di vestiti di giorno e di salchipapas – hotdog e patatine fritte – di sera. In futuro spera di riuscire ad aprire un ristorante; e noi speriamo con lei che il suo sogno si avveri così quando andremo in vacanza in Perù avremo la possibilità di mangiare questi salchipapas nel suo ristorante!

zar e agb